http://www.vegpyramid.info    

sabato 25 ottobre 2014

Laboratorio CISCO per preparazione esame CCNA/CCNP


Imperdibile occasione per gli appassionati di Networking:
Apparati di rete per laboratorio/testbed/studio



  • 3 router CISCO serie 2600 dotati di interfacce seriali, interfacce Ethernet 10/100, Console, Aux.


  • 2 switch CISCO Catalyst 2950 24 porte 10/100


  • 1 firewall CISCO PIX 515E con interfacce Ethernet 10/100, Console, USB, Seriale


  • 2 access point HP Procurve 420

  • Cavi di alimentazione/rete e connettori sono compresi. Tutti gli apparati sono perfettamente funzionanti. 















Vendo tutto in blocco per soli 400,00€ (non trattabili).

Vera occasione per i cultori della materia.

Contattatemi via email: riccardocappone@gmail.com


venerdì 24 ottobre 2014

RETE A DOGHE IN LEGNO MAGGIORATE MULTISTRATO - Eminflex

RETE MATRIMONIALE A DOGHE IN LEGNO MAGGIORATE MULTISTRATO

Prezzo:€ 60,00
Tipo di annuncio:Vendo 
Vendo rete 

RETE MATRIMONIALE A DOGHE IN LEGNO MAGGIORATE MULTISTRATO


Elekta Plus la nuova rete di Eminflex ancora più robusta, grazie alle nuove

doghe in legno maggiorate multistrato, garantendo così un perfetto sostegno.



USATA VERAMENTE POCHISSIMO, IN PRATICA COME NUOVA.

VENDO CAUSA TRASLOCO.

POSSIBILITA' DI VISIONARE E TESTARE LA RETE.

CONSEGNA A MANO IN CITTA' PARMA, PREVIO APPUNTAMENTO.

venerdì 7 marzo 2014

Le Iene - Italia 1 - dieta vegana contro il tumore!?


Dieta vegana contro i tumori: il servizio de Le iene fa discutere

Un servizio de Le Iene accende la polemica sui tumori e sulle modalità di cura. E le prese di posizione sono già molto accese, soprattutto sui social network, tra sostenitori e detrattori del programma di Italia 1.
Lo scorso mercoledì, la trasmissione ha mandato in onda un servizio sulla possibile correlazione tra alimentazione vegana e cancro: la storia è quella di Antonio, un uomo colpito diverse volte dal tumore – prima ai polmoni e poi al cervello – si dice guarito grazie all’esclusiva alimentazione vegetale. E sul Web è scoppiato il caos. È davvero plausibile, la dieta vegana può curare una patologia così complessa e spesso letale come il tumore?
Il trascorso medico di Antonio non è semplice da sintetizzare, perché spesso un calvario di dolore così come accade a tutti i malati di cancro. Nel 2003 viene trovato un tumore al polmone destro, a cui segue un intervento di rimozione, a quanto sembra riuscito. Nel 2009 si verifica nel polmone sinistro, quindi di nuovo operazione e ciclo di chemioterapia e, come se non bastasse, l’anno successivo viene scovata una metastasi al cervello. Stanco di tutto il percorso clinico, compresa una radioterapia, Antonio decide di affrontare il suo destino e di non sottoporsi ad altre cure. Finché il figlio pare abbia trovato in Rete un documento, The China Study di T. Collin Campbell, che spiega i vantaggi della dieta vegana sui malati di cancro. Così Antonio inizia una dieta esclusivamente vegetale e la metastasi, così dice il servizio, sarebbe regredita spontaneamente.
La redazione de Le Iene raggiunge quindi l’oncologa del signor Antonio, decisa a non apparire in video, la quale spiega come quello del ex malato non sarebbe un caso isolato, anche perché bisognerebbe tenere in debito conto come l’uomo si sia sottoposto, prima di scegliere un regime vegano, a un ciclo di radioterapia. La regressione sarebbe quindi da imputare a questa cura, sebbene alimentarsi bene aiuti il fisico a combattere qualsiasi patologia, così come sarebbe evidente anche dal caso di un’altra paziente citata con un percorso simile ad Antonio, seppur quest’ultima non abbia modificato la sua alimentazione. Pur non escludendo la portata della dieta veg, l’oncologa spiega come in medicina si analizzino i dati e la statistica prima di parlare di cura e terapia, perché un singolo caso non può ovviamente essere universale. La trasmissione chiede quindi il parere di Michela De Petris, medico chirurgo esperta in oncologia nonché membro del Comitato medico scientifico dell’Associazione Vegetariana Italiana, della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana e dell’Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale. La dottoressa sottolinea come una dieta ricca di proteine animali possa infiammare i tessuti, rendendoli quindi meno idonei a combattere un tumore, ed elogia lediete vegetariane e vegane perché salutari e utili all’organismo.
Appare evidente come si sia nel campo nella probabilità e del sostegno, entrambe le esperte spiegano come la dieta possa aiutare, ma dalla semplice constatazione alla rinuncia di un percorso clinico canonico il passo è forse più lungo della gamba. Tant’è che i social network si sono scatenati, sia a favore che contro Le Iene, sebbene il sentimento condiviso sia che argomenti medici tanto delicati non possano essere affrontati in un contesto televisivo di pochi minuti. E il programma cade di nuovo al centro delle critiche terapeutiche, tanto che c’è già chi parla di “nuovo caso Stamina”. In merito alla querelle che si è sollevata, inoltre, la Direzione Sanitaria dell’Ospedale San Raffaele ha deciso di diramare un comunicato stampa:
L’IRCCS Ospedale San Raffaele, in riferimento al servizio “Alimentazione e malattie. La storia del tumore guarito di Antonio”, in onda durante la trasmissione Le Iene (Italia 1, mercoledì 5 marzo), dichiara che nessuno studio in tal senso è in corso presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele e osserva che ad oggi non esiste alcuna dimostrazione del valore della dieta come terapia oncologica. Alcune attenzioni dietetiche possono avere ruolo e spazio nell’inquadramento generale di una terapia oncologica come di terapie per altre malattie, ma nella pratica clinica nessuna dieta può sostituirsi alla chirurgia, alla radioterapia e ai farmaci nel curare i tumori. L’IRCCS Ospedale San Raffaele precisa inoltre che la dr.ssa Michela De Petris è consulente dell’Ospedale dove svolge attività ambulatoriale in ambito nutrizionistico. La dottoressa, nell’intervista, ha tuttavia espresso opinioni personali. L’Ospedale puntualizza che il caso clinico oggetto del servizio si riferisce ad una persona che non è stata seguita dalla dr.ssa De Petris presso il San Raffaele, ma in altre strutture sanitarie.
In definitiva, per sapere se la dieta vegana influisca o meno sui tumori serviranno lunghi e approfonditi studi, perché il singolo caso non è sufficiente per elaborare un percorso terapeutico universale. I pazienti sono quindi invitati alla cautela in attesa di ulteriori informazioni, indipendentemente dal tam-tam mediatico già sorto e probabilmente destinato a crescere.

mercoledì 26 febbraio 2014

Gli ingredienti della cucina vegan

Video Gli ingredienti della cucina vegan
La motivazione della scelta vegan è puramente etica: si diventa vegan per rispettare la vita degli altri animali, evitando di ucciderli per un futile piacere personale. Tuttavia, un numero sempre crescente di persone sceglie di escludere dall’alimentazione i cibi animali per altri motivi: ecologisti, di salute (come ho scelto di fare io), umanitari. Queste persone non si possono definire vegan, seguono semplicemente un’alimentazione 100% vegetale.

Ma la cucina vegan è sempre la stessa, qualunque sia la motivazione della scelta. E' adatta anche a chi vuole diminuire il consumo di alimenti animali o è intollerante ai latticini e alle uova. Quindi coloro che richiedono e apprezzano i piatti vegan sono sempre di più. 
Gli ingredienti di base sono: verdure, cereali, legumi, frutta, frutta secca, semi. A questi si aggiungono gli ingredienti della tradizione orientale, oggi sempre più diffusi anche da noi.
Con questi elementi di partenza, sono migliaia i piatti saporiti che si possono preparare, per lo più quelli della tradizione mediterranea.


sabato 1 febbraio 2014

Hurom estrattore per eccellenza

Oggi mi sono divertito con il nuovo estrattore Hurom.
Ingredienti di questo spettacolare succo: broccoli verdi, carote, mele, limone.
Have a nice day!


(video dedicato a Feju)

giovedì 16 gennaio 2014

ALCHIMIA = VITA --- Ciclo di conferenze gratuito a Parma

ALCHIMIA = VITA

A partire da questa sera!

L’iniziativa ALCHIMIA=VITA: Trasformati che il cibo ti trasforma si articola in un ciclo di 6 conferenze sul tema dell’alchimia come processodi trasformazione di se stessi e del cibo di cui ci nutriamo per crescere e vivere sani e felici così contribuendo ad una vision olistica di be-essere relazione e collettivo.

L’Isola d’Oro ha deciso di organizzare e sponsorizzare questo ciclo di conferenze per offrire alla città un’occasione per ampliare la ricerca culturale e filosofica sul tema della sana alimentazione, soprattutto in un territorio come il nostroche ha la vocazione per la trasformazione dei prodotti agro-alimentari e per uno stile di vita che punta sempre ad una maggiore qualità e responsabilità.

L’iniziativa, vista l’importanza intrinseca dei soggetti trattati ha ottenuto il patrocinio del Comune di Parma e della Provincia di Parma.


Le conferenze si terranno presso l'Auditorium del Carmine in via Eleonora DUse, 1/A - Parma Si consiglia il parcheggio Goito a brevissima distanza.

Alcuni link utili:

http://www.lisoladoro.it/alchimiaugualevita/

Locandina dell'evento

Prestazione occasionale, cos’è e quando si usa

Prestazione occasionale, cos’è e quando si usa

Un'ottimo articolo scritto da Giacomo Sardelli, che riporto come stralcio qui di seguito. Trovate il link all'articolo originale sopra.

Segnalo anche un mio precedente post in merito alla questione, con riferimenti diretti al sito dell'agenzia delle entrate. http://riccardocappone.blogspot.com/2011/12/collaborazione-occasionale-informazioni.html

Rif. sito INPS per l'aspetto contributivo:
(http://www.inps.it/portale/default.aspx?lastMenu=5649&iMenu=1&iNodo=5649&p1=2)

In pratica:
La legge Biagi rivista poi dalla riforma Fornero definisce molto chiaramente il contratto di lavoro a prestazione occasionale. Vediamo con parole semplici cosa la caratterizza: è una collaborazione non subordinata, quindi il collaboratore occasionale lavora in autonomia, non serve però aprire partita IVA o iscriversi ad un albo professionale prevede un rapporto di lavoro saltuario con ognuno dei committenti non presenta obblighi contributivi verso l’INPS può essere utilizzata come forma di contratto per qualsiasi tipo di lavoro. Se si superano i 30 giorni di lavoro per committente il lavoro non è più saltuario e quindi il contratto non può più essere considerato prestazione occasionale. Viene quindi considerato come collaborazione a progetto, che è regolata da normative differenti. (art 61 comma 1 DLgs. 276/2003).

Limiti e paletti
Obblighi contributivi: gli obblighi contributivi INPS non si pagano se si rispetta la regola dei 30 giorni per cliente e se non si superano i 5000 € totali netti (6666 € lordi) di compenso durante l’anno solare. Questo significa che posso lavorare per un committente che mi paga 5000 € all’anno oppure per 10 committenti che mi pagano 500 € a testa. L’importante è non superare i 5000 € di compenso tra tutti i committenti.

Se si superano i 5000 € netti diventa obbligatorio registrarsi alla Gestione separata INPS e di conseguenza occorrerà pagare i contributi previsti. (Circ. 9/2004).

La ricevuta della prestazione occasionale va sempre emessa, sia in caso di committenti con Partita IVA, sia in caso di committenti privati, quindi sprovvisti di Partita IVA.

Di seguito potete scaricare un modello di ricevuta da inviare ai vostri committenti:



mercoledì 15 gennaio 2014

Guida al Vegetarismo per genitori e ragazzi

http://www.scienzavegetariana.it/nutrizione/opuscolo_ragazzi.pdf
Guida al Vegetarismo
per genitori e ragazzi

a cura di Luciana Baroni
Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV
(www.scienzavegetariana.it)


Scopo principale di questa rivista è quello di aiutare la famiglia, indipendentemente dal tipo di scelta alimentare, ed è costituita da sezioni dirette ai ragazzi e da altre dedicate ai genitori. I consigli riportati sono a largo raggio e la sua lettura può risultare utile a tutti.



La scelta di diventare vegetariano non coinvolge il singolo individuo, ma ha ripercussioni sulla sua intera famiglia. Muoversi tutti insieme per raggiungere questo scopo sarà un’esperienza unica e gratificante per tutti. SSNV è disponibile ad accompagnarvi in questo percorso.

domenica 12 gennaio 2014

Earthlings - Terrestri (sub ITA)

Earthlings è un film-documentario antispecista del 2005 scritto, prodotto e diretto da Shaun Monson e narrato dall'attore ed animalista Joaquin Phoenix. La colonna sonora è stata composta dal musicista ed attivista dei diritti animali Moby.

Il documentario ha avuto un grande successo presso le comunità animaliste di tutto il mondo. Il filosofo animalista Peter Singer ha detto: "Se potessi mostrare un film ad ogni persona nel mondo, sceglierei Earthlings."



Il film descrive gli usi che gli esseri umani fanno degli animali, cibandosene, ricavandone materiali per produrre vestiario e altro, usandoli come intrattenimento o compagnia, sfruttandoli per la sperimentazione scientifica. Questo racconto viene sviluppato da un punto di vista antispecista; il concetto stesso di "antispecismo" viene presentato all'inizio del film, in relazione con i termini "razzismo" e "sessismo".



Earthlings è un film-documentario che mostra i cinque modi in cui gli animali hanno finito per servire l'umanità (come compagnia, cibo, vestiario, intrattenimento e ricerca scientifica) e la nostra totale mancanza di rispetto per questi "fornitori" non umani. 



Sito ufficiale: http://www.earthlings.com .